Giorni che precedono

Nei giorni che precedevano il 23 giugno, per la città circolavano carretti colmi di frutta di stagione e ogni venditore ambulante aveva il grido appropriato per la merce a vendere.
Ciliegie: “Chiangìte peccenìnne c’av’assùte la cerasèdde” (Piangete bambini, eccovi le ciliegie). Albicocche: “Tocche e nnon docche / Hann’amatràte le vremecòcche / La chezzàle d’abbàssce a ccase / Le tène toste e nno le tocche” (Tocca e non tocca / Sono mature le albicocche / La contadina sotto casa mia / Le ha dure e non le tocca).
Pesche: “Uèèèèè, le fèmmene / Honn’assùte le prequèche / Spìirde sande iìnd’a la mènde / Frutte nève iìnd’a la vènde” (Alè donne / Sono mature le pesche / Spirito santo nel pensiero / Frutto nuovo nella pancia).
Angurie: “Melùne a vvambe de fuèche. Melùne de Brìnnese. A pprove le melùne. Ce nonn-è rrusse no m’u pagàte. Menìte: mangiàte, bevìt’e lavàdeve la facce” (Angurie a vampe di fuoco. Angurie di Brindisi. A prova le angurie. Se non è rosso non me lo pagate. Venite, venite: mangiate, bevete e lavatevi la faccia).

Fioroni: “San GGiuànne, pìgghie chelùmm’e ammìne n-ganne” (San Giovanni, mangi fioroni in quantità).
Non mancavano i venditori di “lemenàte” (granite di limone) e gassose “A bbèvere ch’è gilàte, la gazzòse. Defresckàdeve le canarìle, chi vo bèvere la gazzòòòse” (A bere che è ghiacciata, la gazzosa. Rinfrescatevi la gola, chi vuol bere la gazzosa) e gli acquaioli “Iàcque e ànese, chi vo bèvere?” (Acqua e anice, chi vuol bere?); giravano per le vie creando un’atmosfera di festività che culminava la notte di San Giovanni.