U sgranatòrie de la vescìgghie

Il menù della vigilia consisteva in  “U ccrute” (frutti di mare): “cozze ggnore” (mitili); “allìive” (piccole seppie che non sonogli alunnicome hanno scritto igiarganesi”, in un volume sulla cucina barese de «La Repubblica»,e quànd’àlde fessarì ca stonne scrìtte”); “pulpe rizze de pète” (polpi di scoglio arricciati); “mussce” (arche di Noè), “taratùffe” (tartufi di mare) e “alìsce” (alici). “Meggneuìcchie che la recòtta mazzàdeche che le còdeche de puèrche” (Cavatelli di semolone con ricotta marzotica con le cotiche di maiale) o “vremecìidde a la Sangiuannìidde” (vermicelli alla ‘Sangiovannino’), “pèssce n-garròzzeca sò le cazzavùne” (lumache condite con origano, spicchi d’aglio e olio), “malàndre fritte” (ghiandole del nero fritte dei polpi, una leccornìa tutta barese), “fragàgghie” (misto di pesci per frittura), “presùtte cargh’a ppèpe e tagghiàte a la barèse” (prosciutto crudo tagliato a tocchetti con abbondante pepe), “fiùre de checòzze fritte” (fiori di zucchini fritti), “nzalatìire de pemedùre frìscke, caresìidde, rafanìidde e cepòdde rosse d’Acquavìve” (insalatiera di pomodori freschi, caroselli, ravanelli e cipolle rosse di Acquaviva delle Fonti) conditi con olio extravergine di oliva.
La frutta: “melòne d’àcque, cudde russe tenùt’o friscke iìnd’o galettòne chìine d’àcque e che na sbarre de ghiàcce” (cocomero rosso rinfrescato in una tinozza piena di acqua e con una sbarra di ghiaccio); “vremecòcche” (albicocche); “precuèche” (pesche); “ceràse” (ciliegie); “prune” (prugne) e “chelùmme a sfazziòne” (fioroni in gran quantità).
U mmìire iève cudde ggnore e ttèste” (vino nero alta gradazione), in fresco sempre nel “galettòne”. Per ultimo un bicchierino di “noscìne” (nocino) dell’anno precedente. Questi, infatti, perché avesse efficacia, doveva essere preparato proprio nel giorno di San Giovanni e non più tardi (con ventisette noci verdi ed altri ingredienti che solo le donne di Bari Vecchia sanno). Un digestivo «miracoloso» per i dolori di stomaco.
Sui terrazzi, sui balconi, per le strade, dinanzi agli usci dei bassi (“settàn’a la strate”), nelle corti e nei vicoli della città vecchia; parenti, amici, compari e conoscenti si radunavano attorno a una mensa per trascorrere una serata in piacevole compagnia e allegria.
Iòsce mangiàm’a credènze / A pagà pò se pènze” (Oggi mangiamo a credito / A pagare poi si pensa). “A mangià vène u guste / A pagà vène la suste” (Mangiare è piacevole / Pagare è spiacevole). “San GGiuànne av’a prevedè”.(San Giovanni provvederà). “A ccì non vole l’ècchie da fore” (A chi non vuole, gli occhi fuori dalle orbite; chi è invidioso si maceri dalla rabbia).