La fecàzze

La focaccia barese

La rezzètte, nonn-è na rezzètte ditte da nu panettìire, ma da na fèmmene de case ca prepàre la fecàzze che ttutte u sendemènde. Se mbaste la farìne ch’u levàte. Ce se vole fà na masse cchiù mmodde, nzìim’a la farìne se mètte ngocche patàne allèsse.
Se mètte a crèssce iìnd’a la stèssa tièdde a ddò se cosce, se ngelescèsce abbondànde iègghie, sott’e ssope a la masse. Dope nu pare d’òre ca la masse ave cresciùte s’accònze che nu pìcche de sale, abbondànde pemedòre, nu bbèlle piène de fremmàgge grattàte e na bbèlla chèdde d’arìghene sparnazzàte  sope. Acquànne s’ave cotte se pote mangià calde accòme ièsse do furne, o se no nu pìcche sfreddesciùte; m-mènze se pote mètte ngocch’e ffèdde de mertadèdde, o nu pìcche de recòtte, o cchèdde ca cchiù piàsce.


La ricetta, non è stata dettata da un panettiere, ma da una massaia, che prepara la focaccia barese con passione. S’impasta la farina con il lievito. Se si vuol fare un impasto più soffice, si aggiunge alla farina qualche patata lessa. Si mette a lievitare la pasta in una teglia unta d’olio, quella stessa in cui si cuoce e, dopo un paio d’ore (tempo sufficiente per una giusta lievitazione), si condisce con sale, abbondante pomodoro a pezzetti una bella manciata di pecorino grattugiato e un bel po’ di origano. Quando la focaccia sarà cotta, si può mangiare calda, così come esce dal forno, oppure raffreddata con l’inserimento di qualche fetta di mortadella, di ricotta o di quello che si desidera.